“Plants from plants”, ovvero i primi mattoncini Lego in bioplastica

“Plants from plants”, ovvero i primi mattoncini Lego in bioplastica

Sono arrivati da pochissimo sul mercato i primi mattoncini Lego realizzati utilizzando la canna da zucchero. E l’azienda danese punta ad essere sostenibile al 100% entro il 2030.

Si chiama “Plants from Plants” ed è il primo set di mattoncini Lego realizzati in bioplastica.
Si tratta di piccoli elementi che richiamano il mondo naturale, composti al 98% da un polietilene prodotto dalla canna da zucchero, malleabile, durevole e flessibile, in tutto e per tutto simile alla plastica a cui siamo abituati ma con una marcia in più: la sostenibilità. Per questo progetto Lego si affida infatti alla guida della BFA - Bioplastic Feedstock Alliance (www.bioplasticfeedstockalliance.org) del WWF e aderisce al Chain of Custody Standard, elaborato dall’organizzazione internazionale Bonsucro (https://www.bonsucro.com/chain-custody-standard/) che garantisce la sostenibilità di un prodotto in tutte le sue fasi – dalla produzione alla lavorazione, fino alla commercializzazione.
Unica “pecca”: purtroppo questo nuovo tipo di plastica vegetale non è biodegradabile. Si tratta però di una scelta precisa e ragionata dell’azienda, che ha preferito utilizzare un materiale durevole e – soprattutto – riciclabile e riutilizzabile. Ma quello che più sta a cuore a Lego è la sostenibilità: i fornitori di canna da zucchero devono infatti rispettare un apposito codice di condotta elaborato dall’azienda danese, il quale prevede rigidi standard in fatto di etica, ambiente, salute e sicurezza. Ma non solo: Lego crede che un materiale sostenibile ed alternativo debba, in primo luogo, avere un impatto minore rispetto al materiale che sostituisce, sia da un punto di vista ambientale che sociale. Secondo questa logica una bioplastica, per quanto non biodegradabile, sarà sempre migliore di una plastica realizzata utilizzando, ad esempio, risorse fossili.
Per il momento possono divertirsi con questo nuovo set solo i piccoli costruttori di Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania e Austria; Plants From Plants dovrebbe però arrivare presto anche negli altri paesi, soprattutto se consideriamo l’obiettivo che si pone Lego: raggiungere entro il 2030 il 100% di sostenibilità in tutti prodotti e in tutti gli imballaggi.

Leggi l'approfondimento

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.