L’impegno di Anci Toscana a favore del biologico

L’impegno di Anci Toscana a favore del biologico

Anche quest’anno Anci Toscana partecipa con convinzione a Firenze Bio, l’ormai tradizionale mostra mercato dedicata ai prodotti biologici e biodinamici, fondata su principi e azioni che l’Associazione dei Comuni apprezza e condivide.

Tant’è che i visitatori potranno trovare uno stand completamente dedicato ad Anci Toscana, oltre alle iniziative del programma che vedono coinvolte direttamente numerose Amministrazioni del territorio.
L’impegno di Anci Toscana sul tema dell’agricoltura negli ultimi anni si è fatto sempre più importante e concreto: i Comuni devono e vogliono avere un ruolo decisivo e strategico nella tutela del patrimonio rurale toscano. E in questo quadro il biologico è fondamentale. Per questo, nel nostro tavolo di lavoro istituito ad hoc, ormai un punto di riferimento irrinunciabile nel settore, la promozione e la tutela delle produzioni biologiche hanno sempre un posto importante nella discussione e nei progetti su cui investire. In particolare, la nostra attenzione va ai distretti del cibo, che accanto ai distretti rurali e agroalimentari di qualità, ricomprendono anche le aree e produzioni biologiche. Stiamo organizzando iniziative e incontri tematici rivolti agli enti pubblici che possano accompagnare e sostenere percorsi aggregativi e di sviluppo sostenibile.
Altra iniziativa che fa del biologico il suo punto di forza è il fortunato ciclo di incontri “I territori della Toscana e i loro prodotti”, organizzato da Anci Toscana con l'Accademia dei Georgofili e il patrocinio di Unicoop Firenze. In ogni appuntamento vengono tra l'altro illustrate le proprietà nutrizionali e organolettiche delle materie prime e viene dato ampio spazio ai produttori locali, che fanno del biologico il loro punto di forza. E da questi incontri sono scaturiti dei volumi di Unicoop dedicati alle specialità e alle eccellenze delle nostre terre, dove il biologico ha naturalmente ampio spazio.
Anci Toscana dunque è in prima fila per salvaguardare e  valorizzare un settore che sta alla base dell’economia e della stessa identità della nostra regione.

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.